A Bergamo, un weekend dedicato al vino con l’iniziativa “Vite in libertà – Tra agricoltura e utopia, tra cultura, bisogni e diritto alla felicità”, la fiera di produttori di vini e cibi genuini, realizzata da MAITE e con il patrocinio del Comune di Bergamo.

Da venerdì 15 a domenica 17 dicembre 2017, presso l’ex carcere di Sant’Agata di Città Alta sarà possibile vivere un momento di convivialità libero e inclusivo, degustando e acquistando i prodotti degli espositori presenti.

Le aziende presenti sono prevalentemente di piccoli produttori, che puntano sulla qualità e sul rispetto per l’ambiente e per il territorio, con una distribuzione diretta e partecipata al di fuori della grande distribuzione.

L’evento sarà anche una occasione di azione per importanti progetti sociali, come quelli di formazione per i detenuti, per affrontare il reintegro nella società una volta liberi.

In calendario, grazie al supporto di Guide Turistiche Città di Bergamo, sono previste delle visite guidate, per esplorare e conoscere meglio la città, così come anche aperitivi, concerti e spettacoli teatrali, che intratterranno i visitatori.

Il programma è costruito intorno a un’unico filo conduttore, quello della libertà unito alla convivialità. Libertà di condividere spazi e eccellenze agroalimentari, di scoprire e acquistare prodotti liberamente realizzati, al di fuori delle logiche della grande distribuzione. Libertà di costruire percorsi di produzione enogastronomiche liberi nelle carceri e nei territori sotto assedio.

In dettaglio

La fiera inaugura venerdì sera, alle ore 18:00, con un aperitivo di apertura dal titolo “Liberi di Gusto”.

Verranno presentati anche i prodotti del forno Dolci Sogni Liberi dei detenuti della Casa Circondariale di Bergamo, progetto realizzato dall’associazione Carcere e Territorio e dalla Cooperativa Calimero, e con il vino Vale la Pena prodotto con le uve del vigneto curato dai detenuti della Casa Circondariale Giuseppe Montalto di Alba e vinificato ed imbottigliato dagli studenti dell’Istituto Enologico Umberto I di Cuneo.

Sabato e domenica, invece, la mostra mercato vera e propria apre al pubblico, dalle 10:00 alle 22:00, con degustazioni e incontri.

I produttori presenti, che hanno aderito all’iniziativa, provengono prevalentemente dal Centro-Nord Italia: Abbruzzo, Marche, Toscana, Veneto, Lombardia e Piemonte.

Durante l’iniziativa saranno presenti anche gli stand della Onlus Vis con materiale informativo e il vino della Cantina Cremisan e uno stand di prodotti Varnelli sostenitore del progetto del Circolo Maite.

Per l’ingresso alla Fiera è richiesto un contributo di 5,00 €, che comprende il calice Vite in Libertà in omaggio.